wishlist

Wishlist: a list of useless and expensive products

wishlist3

La verità è che avrei dovuto pubblicare un altro post, ma il tempo non mi aiuta con le foto e quelle che ho a disposizione sono improponibili. Ragion per cui, tranquille, ho rimediato. Pubblico un post inutile, la mia wishlist. Dall’ultima volta che ne ho fatta una, l’unica tra l’altro, è passato del tempo. Io ci avrei anche pensato a fare una wishlist con magari decadenza mensile, ma programmare tutto non è il mio forte. Sono la donna dell’ultimo minuto ed è un dato di fatto. Ho deciso che ogni qual volta avrò problemi con il tempo e le foto, rimpiazzerò con un post del genere. Potrebbe sembrare non carina come cosa, ma dopo tutto, apprezzate la buona volontà di voler pubblicare qualcosa prima di andarmi a prendere un po’ di sole questo weekend. Ok, il sole fa male, brucia, invecchia. Don’t worry, i use a sun protection. Utilizzo una protezione, sempre, mi abbronzo lo stesso e soprattutto mi evito le paranoie di mia madre che pur a 1000 km mi chiede puntualmente “Hai messo la protezione? Mi raccomando ai nei!”. Ho provato ad arrampicarmi sugli specchi più e più volte, ma il potere delle mamma va oltre natura, dal tono delle risposte riescono a capire se mente o dici la verità. Va bene, ora può star tranquilla, utilizzo la protezione e non sto più ferma al sole ad arrostirmi come una lucertola.

Wishlist. O meglio, visto che qualcuno era perplessa/o in rete, lista dei desideri. Avete presente quando bramate e sbavate su qualcosa che poi sapete che non comprerete mai? Questa per me è una wishlist. Una serie di prodotti che bramo ma che in fin dei conti non comprerei mai. Sia per il costo, sia per l’inutilità. Sto imparando con fatica che non possiamo ritrovarci a comprare tutto ciò che ci capita sotto gli occhi, solo per la fama o perchè ci attira una confezione. Ogni tanto uno sfizio ci può stare, ma da amante del settore so con certezza che, anche dopo aver acquistato l’oggetto proibito e desiderato e pagato fior di soldi, vi ritroverete a distanza di poco a desiderare già altro e mettere nel dimenticatoio quello che fino a poche ore prima era un sogno. Morale della favola, abbiate delle wishlist, ma acqusitate solo in base alle esigenze. A fine mese ci sono bollette e affitto e mutui e altre spese da sostenere.

Dior Vernis Haute Couleur High Lasting – 448 Sunnies

Desidero uno smalto Dior dall’era dei tempi. C’è stato un periodo in cui ho ignorato smalti e annessi e connessi, perchè in tutta onestà sono negata. Ribadisco, ad applicare lo smalto sono proprio negata e mi innervosisco, ovvio, perchè vorrei non essere negata. Quando poi vedo blog con foto di unghie così perfette e smalti applicati divinamente, muoio. Ora, da un po’ di mesi ho deciso di essere più paziente e di riprovarci, e devo ammettere che mi sto meravigliando io stessa dei risultati ottenuti. Da qui a farci un post, la vedo lunga (tendo ancora a fare delle linee storte). Il risultato è che l’amore ritrovato sta concentrando l’attenzione su ogni smalto che mi capita a vista: lucidi, opachi, con glitter e senza, ogni-smalto-che-vedo-riesce-a-catturare-la-mia-attenzione-facendomi-bramare. Dovendo, poi, recuperare gli anni passati con unghie smorte è tutto più amplificato. Sunnies fa parte della collezione estiva firmata Dior, un corallo delicato e che si sposa con l’abbronzatura. Non so se valga i 21€ che costa, ma è uno di quelli sfizi che mi piacerebbe togliermi.

NARS – Illuminante Orgasm

Lotta interiore tra cervello e cuore: la ragione dice che non ne vale la pena, il portafoglio piange e il cuore chiama. Da quando NARS è sbarcato in terra sephoriana è un richiamo continuo. Per la verità questo illuminante non era contemplato nei miei pensieri, mai mai mi ero soffermata su di lui. Poi, ecco arrivare la tentazione. Giro d’ispezione da Sephora in compagnia della mia unica collega che condivide stesse passioni, le antenne e il make up. E lei lo compra. Ma lei era diretta, era già con le idee chiare. Donna curiosa -perchè?perchè non ti stai ferma per una volta?- l’ho testato sulle mani e mi ha rapito. Avete presente quell’effetto fotografia con pelle luccicante? Orgasm, mi presento. Se non amate lucentezza e brillantini, che a dirla tutta non sono nemmeno così evidenti, potrebbe non piacervi. Io me ne sono innamorata. Sentire lei poi che mi ripete quanto sia bello e duraturo mi annienta. Cost0 30€ da Sephora, è reperibile anche on line su HQhair e lì sono convinta si riesca a prenderlo spendendo qualche euro in meno.

MAC Cosmetics – Brush 217

Signori e signori, ladies and gentlemen, il pennello da sfumatura per eccellenza è lui.  217 Mac Cosmetics. Ho resistito secoli lontana da questo aggeggio, ma c’è poco da fare, ogni volta che ne sento decantare le lodi è un richiamo all’acquisto. Credo che il tempo della resistenza stia lasciando posto al tempo in cui finalmente mi deciderò a spendere questi 24€. Non aggiungo altro, perchè sono convinta che per tutte/i il 217 sia più che un numero.

Guerlain – Terracotta 4 Seasons

Il contouring non è una pratica che mi appartiene. E diciamo pure che 54,50€ per una terra anche no. Ogni estate puntualmente mi metto alla ricerca di una terra che magari possa andar bene come blush sulla pelle abbronzata. Alla fine quelle più economiche finiscono per non convincermi, vuoi per la consistenza o perchè tutte troppo aranciate, questa di Guerlain sarebbe perfetta. Unica nota stonata, il prezzo. Sono convinta che questo resterà uno dei prodotti in wishlist che mai avrò il coraggio di comprare.

Bumble and Bumble – Creme de Coco Conditioner

Sephora dopo NARS ha deciso di regalarci anche Bumble and Bumble. Perchè insieme? Noi siamo dei comuni lavoratori, spesso precari, non puoi tentarci con due nuovi marchi a distanza di così breve tempo! Te possino… Per chi non conoscesse il marchio, arriva dritto dritto da New York e vanta una serie di prodotti specifici per ogni tipo di capello ed effetto che si vuole realizzare. Creme de Coco io l’acquisterei solo perchè è al cocco e io adoro il cocco in tutte le sue forme e specie! Da Sephora ormai lo sniffo come se non ci fosse fine. La verità è che  è un semplice e comune balsamo che promette di idratare, ridurre il crespo e conferire lucidità al capello. Ancora una volta un prodotto da un prezzo esorbitante, 27,50€ per un balsamo mi sembra eccessivo e anche se la curiosità è tanta, io resisto e non cedo. Tiè.

Credo di aver detto tutto quello che mi passa per la testa ed oltre ancora. Sicuramente, se mai dovessi decidere di acquistare almeno uno di questi prodotti mi orienterei sul brush – che se scrivo pennello mi si scateneno nelle chiavi di ricerca- lo vedo come un investimento e soprattutto è colui il quale bramo da più tempo. Per tutti gli altri prodotti sono consapevole che potrei vivere anche senza, ma alla fine che mondo triste e facile sarebbe se non avessimo almeno una wishlist?

Wishlist – Lipsticks, lipsticks and lipsticks


WISHLIST

La mia passione per i rossetti è recente. Non che prima non li amassi, ma ho sempre avuto una predilezione per gli ombretti e i blush. In verità, da brava gemellina lunatica vivo il make up a fasi: c’è stato il periodo delle palette, poi i fondotinta, poi le creme viso, poi gli ombretti. Insomma periodi e fasi lunatiche vere e proprie.  Quello che mi piace oggi, sarà nel dimenticatoio domani. Al tempo corrente è giunta la fase “sono in fissa per i rossetti”. Ho scoperto, infatti, che il rossetto ha un effetto terapeutico sul mio umore. Spero di non essere l’unica, ma ci sono giorni in cui mi guardo allo specchio e mi sento così tremendamente insoddisfatta. Voglia zero di truccarmi e quel poco che riesco a realizzare mi sembra sempre o troppo banale o troppo eccessivo. In primavera, poi, raggiungo il picco di depressione.

Ho ritrovato, pertanto, il rossetto come un valido alleato perchè riesce a darti un aspetto decente, in pochi minuti, senza perdere troppo la testa con il resto. E poi, riesce a renderti così femminile. Gira e rigira sono entrata in fissa, al punto tale di bramare qualsiasi rossetto sia nel mio raggio visivo. Qualsiasi tipo di rossetti. Che sia beige/marrone/rosso/viola. Ogni tipo. Cestinerei tutti i rossetti che possiedo e acquisterei tutti quelli che mi capitano davanti. Una rossettomania. Come se non bastasse, su ogni blog mi ritrovo review di rossetti, guide sui rossetti, post sui rossetti preferiti. Mi sembra una persecuzione, una frustazione mentale. Si, ho una giusta varietà di rossetti, ma come sempre per una make up addicted non sono abbastanza. Legge di Murphy: potrai avere mille rossetti ma ti mancherà sempre il rossetto più bello, quello che possiedono tutte/i sulla faccia della terra. Testato e garantito.

Tutti questi presupposti mi hanno portato a creare una wishlist di rossetti. Non è stato per niente facile selezionarne solo cinque, ma non voglio annoiarvi. Ho inserito quelli per cui sono proprio fissa, tipo che li sogno la notte. Non scherzo, davvero! Alcuni li ho anche testati, altri continuo a sognarli dallo schermo del pc. Partiamo.

MAC Rebel Lipstick. Sogno di una notte di ogni stagione. Ho perso il conto, ma saranno mesi che richiama l’attenzione. Rebel è un rossetto dal colore stratosferico: un misto di rosso/prugna/viola. Non sono brava a descrivere i colori, ma è un colore talmente particolare che avrebbe bisogno di un tono dal nome dedicato. E’ Rebel semplicemente. Tra tutti i prodotti in wishlist credo proprio che la mia tentazione per questo rossetto stia per cedere, me lo dovrò autoregalare in tempi brevi.

NARS Satin Lip Pencil – Lodhi. Sogno di un viaggio in America. C’è chi sogna di vedere New York per i musei e chi sogna di andarci per avere finalmente accesso a tutta quella varietà di brand che in Italia non arrivano perchè terzo mondo. Nars arriva on line da Sephora oggi, ma qualcosa mi dice che questa matita rossetto non sarà venduta. Ho letto recensioni positive circa questi nuovi e il colore Lodhi mi sembra perfetto per l’estate, un corallo/pesca adorabile. [ore 10.25 ho appena scoperto che le satin lip pencil non sono arrivate da sephora, cvd]

NARS Satin Lipstick – Afghan Red. Il sogno che si ripete, ancora NARS. Afghan Red fa parte della linea rossetti Satin. Ho visto un po’ di swatches e il colore mi sembra uno di quei rossi portabili in ogni occasione, di giorno o di sera indifferentemente. Lo voglio.

YSL Rouge Pur Couture Vernis à Lèvres – Rouge Laqué. Sogno di un portafoglio sempre pieno. E’ il prodotto più caro della categoria. Lo desidero dalla scorsa estate ma il prezzo mi ha sempre frenato, 27,90€ per un gloss che aspira ad essere rossetto non sono certamente pochi.  Sfortuna vuole che è un prodotto davvero riuscito. L’effetto gloss, bagnato, in estate è un must have. Il colore, Rouge Laqué, una favola. Ad onor di cronaca, L’oreal quest’anno ha lanciato la linea Gloss Shine Caresse, che dovrebbe rappresentare una versione low cost dei Vernis à Lévres (il prezzo è un quasi terzo in meno). Di essere simili lo sono, ma non avendoli testati non posso esprimermi. Fateci un pensiero se il prodotto vi interessa.

Paul&Joe Silk Stockings Refill Full Pigment. Sogno di valli incantate. Non so se avete mai avuto modo di dare un occhio a questi rossetti (disponibili su Asos o su Beautybay), bisognerebbe averne almeno uno per collezione. Sono meravigliosi. I rossetti vengono venduti in ricariche a cui poi bisogna associare una custodia, “case”. Il costo viene ad aggirasi sui 25€. Non è poco, ma nemmeno tanto per un prodotto così curato nel packaging. Inizialmente avevo puntato Manège, un fucsia freddo uscito in edizione limitata. Purtroppo me lo sono fatta sfuggire e per farmi male ogni tanto vado a leggermi la review di Dotted around (se non avete mai letto il suo blog, fatelo, ne vale davvero la pena). Silk Stockings mi sembra un rosso tenue, quasi tendente al rosa.

Questa è la mia top rossetti ad oggi. Dico ad oggi, perchè sono consapevole che domani avrò altre fisse per la testa. La parte più folle di me d’istinto li comprerebbe tutti e subito, ma a volte dobbiamo razionalizzare e decidere ciò che realmente serve. So che in campo di make up è tutto facilmente non indispensabile, potremmo fare a meno di tutto. Discutibile, ma il make up è una passione e va presa come tale. Le necessità esistono per tutti. Il portafoglio è una nota dolente per tutti. Ma se un rossetto o un ombretto ci cambia la giornata chi può giudicarci? A volte nella vita serve anche una nota di leggerezza, perchè siamo sinceri i momenti seri esistono per tutti.

Fatemi sapere se avete uno di questi rossetti o se magari ne bramate uno in particolare.

Alla prossima,

Marica.