catrice

I miei amati: Maggio 2013

IMG_2558[1]

In netto ritardo, ma ci siamo. Sono stata tentata dal saltare questo post visto che ormai metà mese è andato via, però era nelle bozze e allora dai, pubblichiamo. Maggio è passato e -ora posso dirlo con certezza visto che siamo a giugno inoltrato- con lui spero anche la pioggia, il freddo e il gelo. Non si tratta di essere metereopatici, ma svegliarsi e ritrovarsi il cielo grigio e realizzare di dover ripescare dagli scatoloni maglioni e piumini, non fa per niente bene alla salute. Tutto questo grigio e  nuvole hanno avuto influenza negativa sull’umore e conseguentemente su tutto il resto. Il mese per me è stato assai monotono. Poca voglia di truccarmi e di inventare e di sperimentare. Il maltempo mi annienta. Va bene d’inverno, ma a maggio no. Pertanto, questo post sarà assai noioso. Noiosissimo.

Ho strutturato il post in modo diverso, il blog è all’inizio e devo sperimentare. Non sono pazza per cui, semplicemente cerco di trovare il modo più congeniale a me pe scrivere e magari a voi seguaci per leggere.

Palette Tarte  Set “Carried Away”

La palette in questione fa parte dell’edizione natalizia Tarte, portata come gift americano dalla mia amica Valeria. All’interno del set, oltre alla confezione figa, vi erano dieci mini lucidi labbra, un mini mascara, un blush (che vedrete più sotto menzionato), una mini cipria e un pennello da blush. Diciamo che il vero tesoro è la tavolozza di ombretti. La devo ancora inquadrare e studiare, i colori sono suddivisi in quad di quattro per un totale di 24 ombretti; ogni quad è creato per dare l’idea di quale trucco poter costruire, però nulla vieta di mischiare i colori a proprio gusto.  La qualità è diversa da tono a tono, alcuni non si vedono sull’occhio se non dopo un paio di immersioni del pennello nella cialda, altri hanno una scrivenza maggiore. Sono tutti comunque un po’ polverosi. Devo ammettere che mi aspettavo qualcosa in più da questo brand, colori magari più originali e non già visti, anche virtù del fatto che era un set natalizio (nemmeno un rosso all’interno!). Il vantaggio sicuramente è che, essendo estremamente compatta la confezione, è una palette comoda da portarsi dietro, soprattutto in viaggio, visto che ha una gamma di toni abbastanza varia. E’ la palette che più ho usato per pigrizia e forse perchè volevo usarla una volta per tutte. [Se mai vorrete vi farò un post dettagliato sui prodotti del set]

IMG_2552[1]

Biomatita Avorio Neve Cosmetics

Il pastello avorio è stato uno dei primi acquisti Neve Cosmetics e se non credete che l’abbia usata così tanto basta guardare la foto, è proprio piccola, piccola così! Va bene, seri. L’ho acquistata per la rima interna e di per sè crea anche un effetto figo, ma non dura ed è la triste realtà. Questo è un po’ il problema di tutte le matite occhi per la rima interna, quindi mi aspettavo andasse così anche con questa. Fortunatamente ho trovato come sfruttarla al meglio. Il colore è un panna caldo e la utilizzo molto spesso – in questo periodo potrei dire sempre- come base per un trucco occhi veloce veloce: la stendo sulla palpebra mobile, la fisso con un ombretto panna/pesca e nella piega poi sfumo o un ombretto marrone o melanzana o che colore vi piace. Insomma, è il mio trucco fast per quando sono in ritardo la mattina o quando non ho voglia di perdere tempo (succede succede). Aggiungo, è quella tipologia di trucco che mi permette la sera di ritoccarlo leggermente e di crearne dal nulla uno figo.  Decisamente è stato il mio prodotto preferito fra tutti i preferiti del mese.

Smoky Eye Pencil Kiko 01 Foggy Wood (e.l. Lavish Oriental)

Scherzetto!Mi sono resa conto che manca nella foto, ma pazienza non mi va di rimandare ancora la pubblicazione. Non so quali siano i pregi di questa matita,  è un comune marrone che mi piace (bella scoperta!); la uso spesso per definire il trucco occhi, di giorno specialmente perchè preferisco una matita marrone a quella nera. Mi da l’idea di avere un occhio definito ma non cupo come magari può dare il nero. Mia opinione. E’ molto morbida, scrivente e tiene anche bene nella rima interna, sebbene contenga dei micro glitter dorati che potrebbero non essere amati. Da una estermità ha uno sfumino angolato, che ammetto di non aver usato spesso, però se magari la porti in borsa e vuoi un ritocco veloce fa sempre comodo.

Eye Brow Stilist 030 Catrice

Questa matita la uso da un paio di mesi, è stata davvero una piacevole scoperta. Il mio obiettivo era altro (l’eye brow in Spiked di Mac), ma la Mac più vicina non è proprio a portata di mano e così trovandomi dinanzi allo stand Catrice ho sentito il richiamo di volerla provare. Ha in un’estremità la matita e nell’altra uno spazzolino per pettinare le sopracciglia. A mio parere è davvero un prodotto valido: costo contenuto unito ad un’ottima resa e durata. Se non avete provato nulla di questo brand, pensateci.

Naked Skin Urban Decay

E ‘stato un periodo alquanto critico se parliamo di fondotinta. Ne ho esaurito uno che ben presto vi presenterò e che mi ha deluso. Ho acquistato Il Naked Skin approfittando di un 20% da Sephora, sebbene nei miei desideri vi fosse il fondo Boujorois. E’ un fondo che trovo perfetto per questa stagione, il caldo non è ancora esploso, ma con i primi tepori primaverili -ormai è estate, ok- mi viene la fissa che “devo far respirare la pelle”. Questo fondo è perfetto. Molto leggero, luminoso, quasi fresco. Si ha davvero la sensazione di non averlo, appunto “pelle nuda”. Lo applico con l’expert face brush Real Techinques, ma si potrebbe anche applicare con le dita (l’effetto con l’expert è comunque favoloso). Mi dura tranquillamente tutta la giornata, tenendo a bada discretamente la lucidità. Svantaggi. La coprenza non è il suo forte, maschera qualche piccolo brufoletto, ma non copre del tutto. Per me non è un problema, fortunatamente mi capita sporadicamente di avere brufoletti e piuttosto che rendermi il viso di cera preferisco pure che si intraveda. Saremo pure umani da poterci concedere un brufolo al mese, no? Se ricomprarlo o no non saprei, per ora mi piace, con il caldo vedremo come reagisce e in ogni caso non lo vedo perfetto in inverno.

Blush Adventurous set Tarte “Carried Away”

Il blush adventurous era incluso nel set natalizio di cui sopra vi ho parlato. E’ un pesca leggermente rosato, all’interno della confezione sembra avere dei glitter che in realtà sono invisibili sulla pelle. E’ uno di quei blush costruibili, molto delicato, direi raffinato. Dona la classica sensazione di zigomi in salute ed è possibile abbinarlo quasi con tutto. Pollice in su!

Lip Butter Menthe Yes To Carrots

Sono pigra al punto tale che odio mettere il burrocacao Non chiedetemi come dove perchè questo mese è stato diverso. Credo che sia stata una fissa o il sapore di menta che ha, è un prodotto che ho rivalutato e non lo mollo. Non ha colore ma lascia sulle labbra un senso di freschezza e una leggera patina lucida che mi piace.

Smart Lipstick 923 Kiko

Il 923 di Kiko è un viola/lilla molto tenue. Dona effetto lucido alla labbra e trovo sia anche abbastanza idratante. La durata pecca e parecchio. In ogni caso è uno di quei rossetti che si può facilmente applicare in macchina/ascensore/specchiettoinautobus. Non so se sia la mia propensione per il viola a farmelo amare o altro, ma non so come questo rossetto riesco ad abbinarlo davvero con tutto. E poi d’estate da un tocco di vita, no?

Direi che è tutto. Prometto che con i preferiti di giugno sarò puntuale!

Marica.