Benefit

Creaseless Cream Eyeshadow Benefit: that’s amore!

IMG_1953[2]

E’ il mio primo post vero e proprio, se escludiamo la presentazione. Una fatica incredibile. Ho scritto questo articolo ancora prima di dare avvio al blog, ma è rimasto in bozze circa dieci giorni. Ora, con tutta la buona volontà, ho capito che io e le foto non abbiamo un bel rapporto, pessimo sotto ogni punto di vista. In primo luogo, a casa ho tutte luci gialle, faretti, per interderci, che alterano ogni foto; secondo, non riesco mai ad essere fortunata con i raggi di sole, mi sfuggono. Quindi, abbiate pazienza, ma le foto non saranno il mio punto di forza!

Fatta questa premessa iniziale, parliamo di:  Creaseless Cream Eyeshadow. Si dice che “il primo amore non si scorda mai”: è così è stato per questo ombretto/eyeliner in crema Benefit. Come una bambina nel paese dei balocchi, non si può non essere affascinati quando ci si trova davanti uno stand Benefit: confezioni curate nei minimi dettagli, stravaganti e colorate, un po’ stile retrò. Sarà strategia di marketing, ma di sicuro donna Benefit non pecca di inventiva. La maggior parte delle volte quello che cattura l’attenzione è anche l’immagine e l’estetica di cosa ci viene presentato. Potremmo dire che anche l’occhio vuole la sua parte, ma di conseguenza dovremmo poi aggiungere che spesso l’abito non fa il monaco. Detto in termini non proverbiali, paghiamo l’estetica e il marchio, ma non sempre c’è come diretta implicazione la qualità del prodotto. Benefit non è un marchio low cost, ma per quel che ho potuto constatare vanta anche la qualità. Per intenderci, non produce prodotti con inci naturali, pertanto, qualità in questo caso va intesa come “pago e non resto delusa”.

Creaseless, così come definito sul sito Benefit stesso, è un ombretto/eyeliner in crema, che promette lunga durata a prova di sbavatura. Analizziamo. Ombretto o eyeliner? Le tonalità proposte-non so se effettivamente siano tutte disponibili in Italia-variano dal beige al grigio intenso. Tutte sicuramente portabili in qualità di ombretti; in veste di eyeliner non saprei. Per mio gusto personale, un eyeliner dovrebbe essere di un colore bello intenso che risalti e dia definizione all’occhio. Mio modesto pensiero, si intende. Io ho scelto Tattle Tale, un beige shimmer, molto luminoso, perfetto come illuminante/ombretto, poco adatto come eyeliner. Ho provato a fare degli swatches sia all’ombra (prima foto) che alla luce del sole (seconda foto), ma temo che non rendino. Il colore è davvero tanto chiaro e luminoso.

IMG_1955[1]IMG_1954[1]

In ogni caso, vi garantisco che è davvero bello, soprattutto d’estate, da una luminosità incredibile all’occhio!Mi piace!

Aperto il barattolino si viene pervasi da un profumo delizioso, quasi di dolci o pasticcini, non riesco a descriverlo meglio, con il tempo ha perso questa sua caratteristica. E’ più di un anno che lo possiedo e, considerando le innumerevoli volte che ho aperto il barattolino, avrei dovuto aspettarmelo.

La texture è cremosa, tanto che inizialmente ho avuto dubbi circa la durata. Adoro la definizione “creaseless”, senza piega: effettivamente li ho testati sia con primer sia senza, sia con il gelo sia con il caldo e devo confermare che hanno davvero ottima resistenza. Solitamente mi trucco la mattina alle sette e torno a casa esattamente dopo dodici ore, vi garantisco che è ancora lì e senza quell’effetto orribile a chiazze. Presumo che il risultato dipenda molto dal tipo di palpebra, più asciutta o più oleosa, così come dal tipo di primer utilizzato. Tuttavia, credo che la qualità del prodotto in sè faccia la sua parte.

L’applicazione è semplice, così come la sfumabilità: basta poco prodotto per ottenere già un effetto intenso. Proprio poco prodotto, perchè aumentandone la quantità si rischia di creare un pasticcio con effetto piega in agguato. Generalmente, più che con pennelli preferisco applicarlo direttamente con il dito, pura questione di comodità.

Inizialmente ho usato questo prodotto quasi ogni giorno (si vede una voragine al centro del barattolino nella foto), sia di giorno come punto luce sia come base per trucchi più complessi. Poi improvvisamente l’ho abbandonato. Ma è un mio difetto: acquisto un prodotto, entusiasta, lo utilizzo fino alla nausea; infine, mi stufo e arrivederci. Quest’inverno, comunque, il Tattle Tale è stato il mio migliore alleato. Si, perchè nonostante una sveglia programmata, spesso mi ritrovo ad essere in ritardo e a dover fare mille cose in poco tempo. In momenti così, di certo, non è possibile stare lì a decidere: il colore, gli abbinamenti e le sfumature. No, bisogna avere un prodotto che in poco tempo riesca a dare un risultato decente. Un prodotto che conosciamo e che sappiamo gestire. Lo applico, quindi, su tutta la palpebra mobile, matita per definire l’occhio, mascara e il gioco è fatto.

IMG_1949[1]

Difetti: il prezzo, 20,5€ per 4,5g di prodotto e sicuramente l’inci, reperibile sul sito Benefit.

Ve lo consiglio? Si, mi piace!

Sono comunque alla ricerca di alternative economiche…

E voi? Li avete mai provati? Alternative economiche?

Alla prossima,

Marica.

Annunci